ucca con Life Aspire partecipa alla settimana europea della mobilità sostenibile

Cliente: 

Anche Lucca attraverso Lucense, organismo di ricerca e trasferimento tecnologico alle imprese, e il progetto europeo Life Aspire, dedicato al trasporto merci ecologico e sostenibile, ha partecipato alla Settimana europea della mobilità. L'occasione è stata data dall'incontro con le associazioni di categoria e gli operatori del settore trasporti e logistica, tenutosi il 18 settembre in Camera di Commercio sotto il coordinamento del Comune di Lucca e di Lucense. Ad avviare i lavori è stato il segretario generale dell'ente di Corte Campana, Roberto Camisi, che ha fatto gli onori di casa introducendo il tema e passando poi la parola al dirigente del Comune, Mauro di Bugno, e al referente per Lucense del progetto Life Aspire, Stefan Guerra. Quest'ultimi hanno spiegato cosa sia Life Aspire, quali implicazioni pratiche abbia sugli operatori del settore trasporti, quali siano i punti di forza e gli obiettivi a lungo termine. 

Oltre a presentare Life Aspire, l'incontro aveva anche l'obiettivo di aprire un confronto con gli attori del settore. Il messaggio della Settimana europea della Mobilità di quest'anno infatti è "Cambia e vai" ed è centrato sull'opportunità di spostarsi attraverso mezzi di trasporto alternativi. Questo è quello che sta cercando di fare anche la città di Lucca con il progetto Life Aspire che, tra le altre attività, prevede anche l'installazione di un servizio di cargo bike sharing dedicato agli operatori del settore. L'obiettivo finale del progetto è quello di dare vita ad un sistema di mobilità delle merci sostenibile, al passo coi tempi e in grado di rispettare e valorizzare l'ambiente della città. 

 

LIFE ASPIRE.  Il progetto realizzato dal Comune di Lucca come ente capofila, insieme con le città di Stoccolma e Zara, avviato un anno fa in collaborazione con Lucense, la società pubblico-privata che opera nell'area del Polo Tecnologico Lucchese, e con la società di ingegneria dei trasporti Memex di Livorno e con Kiunsys di Pisa, è uno dei tre finanziati dalla Commissione europea sul tema dei trasporti. Il progetto intende realizzare un innovativo sistema a servizio della città perseguendo tre obiettivi tecnologici: la realizzazione di un sistema di controllo intelligente del trasporto merci tramite sensori, che permetterà di determinare con esattezza il tempo che l'operatore del trasporto resta all'interno dell'area della ZTL; l'utilizzo di un sistema innovativo di controllo delle piazzole di carico/scarico merci a servizio degli operatori, che permetterà di prenotare gli stalli di sosta al fine di ridurre la congestione nelle zone più sensibili per l'attività di commercio e per il turismo; la predisposizione di un sistema di condivisione di cargo-bike per il trasporto delle merci in aree pregiate del centro storico con veicoli a zero emissioni.